3462267278.8dd5717.6eaab950494247a2b12bc9b2f23470d0

Pitture per San Rocco

Di notevole bellezza è la Cappella dedicata a San Rocco nella Basilica di San Francesco di Ravenna…

Sarcofago di Rinaldo

Un sarcofago per l’arcivescovo di Dante

Nel Duomo di Ravenna è custodito uno dei sarcofagi più belli della città…

Cattedra di Massimiano

Non è bello ciò che è bello…

Bellissima è la cattedra d’avorio dell’arcivescovo Massimiano, ma… non a tutti piace!

Sa Carlino

Le virtù di San Carlino

La chiesa di San Carlino presenta bellissime pitture… a partire dalle rappresentazioni simboliche delle virtù!

Basilica di Sant'Agata

Quando Corrado Ricci “non le mandava a dire”

La chiesa di Sant’Agata custodisce molte storie…

Monaci

Silenzio e colore nell’opera pittorica di Padre Paolo Tarcisio Generali

Se dovessimo dire quali siano stati i temi pittorici prediletti da Padre Paolo Tarcisio Generali certamente dovremmo indicare, oltre ai paesaggi e alle nature morte, quello dei monaci.

Cattedra di Massimiano

Brevi note intorno alla mostra ravennate sugli “Avori dell’alto medio evo”.

Fu certamente una mostra straordinaria quella sugli “Avori dell’alto medio evo” che si svolse a Ravenna nelle sale superiori dei chiostri francescani dal 9 settembre al 21 ottobre del 1956.

Sant’Apollinare: la vita, le opere, il culto

Sant’Apollinare, la vita, le opere, il culto Un breve testo su Sant’Apollinare all’interno della guida iconografica per il patrono di

Battisteri Ravennati

  Battisteri ravennati, un confronto tra il Battistero Neoniano e il Battistero Ariano. Il testo nel PDF allegato: BATTISTERI RAVENNATI

Ecce Homo

Il mantello e la gloria

Opere di Elvis Spadoni a cura di Giovanni Gardini

Maestoso e solenne si erge Cristo, Signore del tempo e della storia. Il suo volto è duro come pietra (Is 50, 7), i suoi occhi sono aperti sul mondo, le sue pupille scrutano ogni uomo (Sal 10, 4).

Madonna greca

La figura dell’orante

Brevi note di iconografia per la festa della Madonna greca

 

«Donna, se’ tanto grande e tanto vali,/ che qual vuol grazia e a te non ricorre,/ sua disïanza vuol volar sanz’ali. /La tua benignità non pur soccorre/ a chi domanda, ma molte fïate/liberamente al dimandar precorre».

Dante, Paradiso XXXIII, 13-18

close

Giovanni Gardini ti invita ad iscriverti alla sua newsletter e a seguirlo sui social

Visit Us
Follow Me
Tweet