AQBqtvLSfWjkO9_duotkvVpIewW3_onvVl374yfPNnMPeUNk3_adcMlSEn6fJ0jBMqkF7L8sMwZQeHHaz0enx3RrBioZisv4zOjuPawLmgMdbM_c6SLIwflaN2wZNfwhg4CEyH1kjmhfAYJxH_36k8NwsAdZFo0mo_rGyvTRfGeIoL_heAsIrZf9aRBi_sbr5aJM14lNS7OBwQc_Qd-_icMcjlG52EVHsIfmWhpRvYkttA

La festa dell’incontro

«Oso tenerti come una lampada: perché chiunque tra gli uomini porta una lampada è rischiarato, non bruciato».

Nel Museo Nazionale di Ravenna è custodita una bella icona della fine del XVI secolo raffigurante una delle dodici grandi feste bizantine, la Presentazione del Signore al Tempio detta anche Festa dell’Incontro.

I due nomi con cui questa festa è chiamata vogliono porre l’attenzione o sulla Purificazione della Vergine e l’offerta del Bambino al Tempio oppure sull’incontro tra l’anziano Simeone e Gesù.

Secondo uno schema iconografico consolidato Giuseppe e Anna sono sempre posti in secondo piano: Giuseppe, pieno di meraviglia, reca l’offerta rituale mentre Anna, solitamente, ha il dito della mano alzata a indicare che sta parlando del bambino. Maria è sempre al centro della scena raffigurata nel momento in cui sta porgendo o ha appena presentato il bambino a Simeone. Gesù, presenza attorno alla quale ruota tutta la scena, non è in fasce, ma indossa una veste preziosa a indicare che egli è il legislatore e il re. In questa piccola tavola Simeone regge il Bambino tra le braccia rendendo evidente, simbolicamente, l’incontro tra l’Antico e il Nuovo Testamento. Egli accoglie Gesù con le mani velate, un gesto antichissimo che esprime profonda venerazione.

San Romano, straordinario poeta e teologo siriano tra V e VI secolo, immaginando la scena, fa dire a Simeone:

«Tu sei grande e glorioso, sei stato generato misteriosamente dall’altissimo, figlio tutto santo di Maria (…); oso tenerti come una lampada: perché chiunque tra gli uomini porta una lampada è rischiarato, non bruciato».

Giovanni Gardini

https://www.ravennaedintorni.it/rd-blog/cartoline-da-ravenna/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Giovanni Gardini ti invita ad iscriverti alla sua newsletter e a seguirlo sui social

Visit Us
Follow Me
Tweet