AQBqtvLSfWjkO9_duotkvVpIewW3_onvVl374yfPNnMPeUNk3_adcMlSEn6fJ0jBMqkF7L8sMwZQeHHaz0enx3RrBioZisv4zOjuPawLmgMdbM_c6SLIwflaN2wZNfwhg4CEyH1kjmhfAYJxH_36k8NwsAdZFo0mo_rGyvTRfGeIoL_heAsIrZf9aRBi_sbr5aJM14lNS7OBwQc_Qd-_icMcjlG52EVHsIfmWhpRvYkttA

C’era una volta…

Sfogliare vecchi giornali riserva sempre delle soprese, specialmente quando ci s’imbatte in articoli che raccontano la propria città e le abitudini dei tempi che furono.

Sfogliare vecchi giornali riserva sempre delle soprese, specialmente quando ci s’imbatte in articoli che raccontano la propria città e le abitudini dei tempi che furono. Nel numero dedicato a Ravenna datato 25 marzo 1888 de Le cento città d’Italia, supplemento mensile illustrato del Secolo, un trafiletto puntava l’attenzione sui “costumi e canti popolari ravegnani” dove, con ampia retorica, erano descritte le figure più caratteristiche della città, dal contadino al facchino, dalla legnajuola alla risajuola:

«Un bel tipo ravegnano è pure il facchino (…). Il nostro facchino è un libero lavoratore che attende durante l’annata, massime nell’estate, alla portatura dei sacchi di frumento, di grano turco, di riso, di farina, caricandoli e scaricandoli nei magazzini (…). Porta generalmente la tradizionale galòzza, il camiciotto turchino, il fazzoletto alla garibaldina, e va scalzo. Spinto dalla energia giovanile e dall’amor del lavoro, fra una sudata e una bevuta, intona pur esso le sue arie favorite, manifestanti la sua naturale allegria (…). La più bella, la più simpatica figura di popolana ravennate si è la giovine lavoratrice della risaia. Nell’estate le risajuolevanno a frotte, svelte, gioviali, schiamazzanti. Stornellatrici per eccellenza, esse alleviano le proprie fatiche alternando canti ora patetici, ora faceti (…). Spesso, tornando dalla risaja, traversano la città, cantando dei cori armoniosi e talmente intonati che la gente si ferma e accorre volentieri ad ascoltarle». 

Giovanni Gardini

https://www.ravennaedintorni.it/rd-blog/cartoline-da-ravenna/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Giovanni Gardini ti invita ad iscriverti alla sua newsletter e a seguirlo sui social

Visit Us
Follow Me
Tweet